Immigrazione. Maria Luisa Crotti all’incontro della Fondazione Don Leandro Rossi

Si vedranno caso per caso le ripercussioni pratiche del decreto sicurezza. Anche perché, dopo l’entrata in vigore della legge lo scorso 5 ottobre, «non ci sono disposizioni transitorie e per alcune situazioni potrebbe dover decidere il giudice».

A specificarlo è stata l’avvocato Maria Luisa Crotti, vice presidente della Camera penale della Lombardia orientale, che sabato pomeriggio è intervenuta all’incontro di formazione organizzato dalla Fondazione don Leandro Rossi.

Nella sede di via Agostino da Lodi sono giunti i rappresentanti di diversi enti che nel Lodigiano fanno accoglienza per persone migranti, che sono stati guidati nella lettura della nuova legge.

Per dare una risposta umana e di speranza

Ecco, ieri sera pensando alle decine di migliaia di persone che il decreto Sicurezza porterà fuori dal sistema di accoglienza, a Lodi già è cominciata l’espulsione dai CAS, mi sono convinta che le Organizzazioni che hanno nel loro DNA la difesa dei diritti per ciascun uomo debbano organizzare, come allora, una rete visibile che si opponga all’emarginazione e all’esclusione di persone che sono già qui, non spariranno perché cacciate dai CAS o dagli SPRAR, spesso hanno già avviato percorsi inclusivi accompagnati da giovani e preparati educatori e operatori.

Non dobbiamo temere le difficoltà e gli ostacoli che la politica tenterà di mettere, troviamoci subito ad un tavolo sul quale ciascuno possa mettere a disposizione competenze pensieri e risorse per dare una risposta umana e di speranza.

Don Leandro Rossi

La svolta: nel Natale del 1977 nella piccola chiesa di Cadilana (Lodi) Don Leandro accoglie il primo tossicodipendente e inizia cosi l’avventura nell’accogliere quelle “pietre scartate che sono diventate testata d’angolo”, in quegli anni gli ultimi tra gli ultimi e quanti chiedessero un rifugio. A questo punto don Leandro inizia a rimanere solo: chi mai voleva vivere vicino ai tossici? D’altra parte la curia nel 1994 invita don Leandro a una scelta precisa: o la parrocchia o la comunità; le due cose appaiono alla curia inconciliabili poiché la cura dei tossicodipendenti avrebbe sottratto tempo alle esigenze parrocchiali.

NEWS RECENTI

Notizie ed eventi da Famiglia Nuova

Ascoltare e narrare

Ascoltare e narrare. Socioanalisi narrativa di alcune esperienze pedagogiche nella cooperativa sociale Famiglia Nuova

Questo libro nasce da un cantiere socioanalitico svolto con una cooperativa che si occupa di accoglienza e si confronta con problematiche sociali relative alle tossicodipendenze, ai minorenni in difficoltà e ai migranti. I cambiamenti paradigmatici emersi, tanto nell’organizzazione interna alla struttura quanto nelle relazioni tra gli operatori e gli utenti vengono proposti per l’interesse sociale che presentano. Le organizzazioni…

Mariarosa Devecchi

Per dare una risposta umana e di speranza

Gentile Direttore, Le chiedo ospitalità sul Suo giornale per esprimere il mio pensiero su quanto sta succedendo in Italia, quindi anche nel Lodigiano, in conseguenza al Decreto Sicurezza. Sono giornate queste in cui la mia testa non riesce a pensare ad altro, sarà perché conosco facce e storie delle persone coinvolte, siano essi migranti od…

#tiriguarda Anlaids

World Aids Day 2018

3443 (che aumenteranno ancora per ritardi di notifica) i casi di nuove diagnosi di infezione da Hiv acquisite durante il 2017: dato pressoché stabile, in leggero ribasso ogni anno dal 2012, ad indicare che si vivono ancora comportamenti a rischio. Il maggiore rischio di trasmissione è legato ai rapporti sessuali non protetti: particolarmente colpita è…

adolescente e dispersione scolastica

Dispersione scolastica, un progetto del territorio

Raffaella Bianchi per “Il CIttadino”, 13 novembre 2018, p. 2. Ventitre partner tra pubblico e privato sociale, una durata di tre anni, finanziato dalla fondazione “Con i bambini” che ha sede a Roma e opera a livello nazionale: il progetto “Behind the blackboard” su dispersione scolastica, prevenzione extra-scolastica e cittadinanza attiva, focalizzato sui ragazzi dagli…

ricordo Egisto Taino

Egg (con 2gi)

Egg (con 2gi), scritto così fa un po’ ridere, ricordo quanto abbiamo riso. E litigato, anche ferocemente. Sono rimasto di stucco tante volte di fronte alle tue sparate, spesso magnificamente sorprendenti e immaginifiche. Ci ricordiamo bene la tua faccia, unica. La tua barba, la Chimica che insegnavi alle scuole superiori, il tuo naso, le tue mises,…

Utopia al fiume Trebbia - foto Ciro Vajro

Utopia. Un sabato al fiume Trebbia

Un po’ di pacchia, ogni tanto ci vuole. Una pausa, approfittando del tempo che è ancora clemente. Un sabato diverso, spensierato. Per lunedì c’è tempo, c’è tempo per un altro giorno di lavoro, per un’altra lezione del corso di formazione, per un’altra mattinata a fare il giro di tutte le agenzie interinali, per un’altra giornata…

Luca Signorelli, particolare della pala di Sant'Onofrio

 Ma che emozioni…

Sono stato a trovare una collega ferita “sul campo di battaglia”: ha ferite importanti, che le mineranno per un po’ l’autonomia dei movimenti. Dopo il primo impatto della visita a sorpresa sono stato ingoiato dalle emozioni che hanno preso il sopravvento dal secondo istante e che, mentre scrivo, mi scaldano ancora gli occhi e il…

I NOSTRI SERVIZI

cosa facciamo