Cura, trasparenza e piccoli numeri: la ricetta giusta per l’integrazione

Ora si è scatenata questa tifoseria piena di false notizie e luoghi comuni che non trovano riscontri.

Più si limitano le possibilità, più gli stranieri sono alla mercé di un sistema poco trasparente, a partire, per esempio, dal lavoro nero.

Per quanto riguarda questa inchiesta resta il rammarico che dentro il sistema delle onlus si infilino personaggi malfattori. Vuol dire che il sistema dei controlli funziona poco.

Il pericolo è che poi tutti siano visti come ladri e tutti facciano profitti.

Non tutte le erbe sono dello stesso fascio

La nostra Cooperativa da sempre predilige un’accoglienza di tipo diffuso, fatta di piccoli numeri, in controtendenza rispetto a quanto sta accadendo soprattutto con le nuove norme messe a bando dall’attuale Ministero dell’Interno e soprattutto non accettando richieste di sorveglianza e controllo poliziesco/carcerario.

Il modello di accoglienza per piccoli numeri che Famiglia Nuova da sempre ha preferito per i propri servizi residenziali è più utile per lavorare accanto alle persone, apprezzandone e valorizzandone meglio la loro singolarità, la loro individualità, spostando l’attenzione dai limiti alle risorse, valorizzando e potenziando le attitudini individuali.

Don Leandro Rossi

La svolta: nel Natale del 1977 nella piccola chiesa di Cadilana (Lodi) Don Leandro accoglie il primo tossicodipendente e inizia cosi l’avventura nell’accogliere quelle “pietre scartate che sono diventate testata d’angolo”, in quegli anni gli ultimi tra gli ultimi e quanti chiedessero un rifugio. A questo punto don Leandro inizia a rimanere solo: chi mai voleva vivere vicino ai tossici? D’altra parte la curia nel 1994 invita don Leandro a una scelta precisa: o la parrocchia o la comunità; le due cose appaiono alla curia inconciliabili poiché la cura dei tossicodipendenti avrebbe sottratto tempo alle esigenze parrocchiali.

NEWS RECENTI

Notizie ed eventi da Famiglia Nuova

Compie un anno il progetto pensato per contrastare disagio, fuga dalle scuole e povertà

Raffaella Bianchi, “Il Cittadino”, 7 agosto 2019. Oltre a 700 studenti, la rete di protezione ha coinvolto 300 famiglie: l’iniziativa ha portato gli educatori in otto istituti del Lodigiano. Duecentoventisei ragazzi agganciati con l’educativa di corridoio in sei scuole; altri cinquecentodue intercettati tra l’educativa di strada e le attività di supporto pomeridiano. Sono i numeri…

Jamboye e Bruno

Ciao Jamboye

Ciao Jamboye, per me è stato importante averti incontrato e conosciuto un po’. La relazione con te, di varia intensità, mi è servita per apprendere. Grazie! Una settimana fa ti ho accompagnato al Servizio CAS di Foligno gestito dalla Caritas diocesana: con il tuo consenso e, anche, con il tuo desiderio di cambiamento. 🙁 Sovrastato…

Con i Bambini a Milano

Vamonos!

Ho partecipato al Convegno di Con i Bambini a Milano. Sono arrivato con curiosità e qualche domanda importante: sulle prospettive di lavoro, sugli indirizzi, sul clima che sta dietro al lavoro sul campo (“behind” per riprendere il nostro progetto). Si è parlato di fondi, di impegni, è stata tratteggiata la storia del percorso che ha…

in terrazza

Non tutte le erbe sono dello stesso fascio

La Cooperativa Famiglia Nuova non è coinvolta dallo “scandalo” delle finte accoglienze di migranti: dalla sua fondazione è infatti impegnata, rendendo disponibili anche risorse umane ed economiche proprie, in favore delle persone più povere, in vulnerabilità di rimanere fuori, o di essere messe fuori, dalla “Società Civile”. Non tutte le erbe sono dello stesso fascio…

Il CIttadino - trasperenza e piccoli numeri

Cura, trasparenza e piccoli numeri: la ricetta giusta per l’integrazione

  Cristina Vercellone, per “Il Cittadino”, 3 luglio 2019. «Ai tempi della maxi emergenza ogni giorno ci chiedevano di aggiungere delle brande nelle nostre strutture». A parlare è Mariarosa Devecchi di Famiglia nuova, una delle cooperative virtuose nella gestione dei profughi, insieme a Caritas, Progetto insieme e Movimento lotta fame nel mondo. «Se una cooperativa…

bandiera dei pirati

La piratessa

Chi ha avuto la fortuna, come me, di lavorare come educatore con i migranti, non può non aver seguito la vicenda della Sea Watch, con la capitana Karola Rackete che ha deciso di entrare in porto, con tanto di “attacco”, come è stato definito, alla nave della finanza. Attracco riuscito e scoppia il caso diplomatico.…

dopo un anno

Sì, è già passato un anno

Un anno dopo. Conclusioni di un giovane utente dopo un anno di percorso. Mi chiamo David Fernando Penna e sono 365 giorni che non perdo tempo. Sono stato a casa settimana scorsa, non ci entravo da un anno. Sembrerà poco, ma considerando come è andata cercherò di trasmettervi ogni emozione vissuta, nella testa e nel…

I NOSTRI SERVIZI

cosa facciamo